ALGERIA

Trek tour : "Hoggar e Tassili"


Tipologia tour
:
spedizione in fuoristrada nel Sahara Algerino e trekking nell’altipiano del Tassili
Durata
: 15 giorni / 14 notti

Partenze individuali : non effettuate.
Partenze di gruppo : minimo 10 perrsone.
Periodo consigliato : primavera, autunno ed inverno per il clima più mite.
Codice : ALTC1505


"O uomo, che importa che tu abbia caldo o freddo? È la legge del deserto aver caldo di giorno e freddo di notte. Ma non hai che da volgere la tua fronte al cielo per ricevere il sole e poi le stelle. E sarai contento".
Mussa Ag Amastane - poeta Tuareg

Le emozioni che si provano nel deserto vanno ben oltre alle sensazioni meteorologiche del caldo e del freddo. Sono sensazioni di calma, di tranquillità e di pace in netta contrapposizione coi ritmi frenetici cui siamo abituati, con i quali conviviamo in questa nostra società “civile”. La totale immersione in una natura incontaminata, la bellezza dei paesaggi intorno a noi, i colori delle dune che variano dall’ocra al rosso con riflessi che, al tramonto ed all’alba, assumono toni ed ombreggiature che solo un pittore può esprimere sulle sue tele ed il cielo di un azzurro intenso durante il giorno e traboccante di stelle nelle notti regalano al visitatore, che sappia affrontare i piccoli disagi che inevitabilmente s’incontrano, un senso di dolcezza e di serenità che fanno apprezzare maggiormente la bellezza del nostro “vecchio” mondo.

1° giorno : Roma – - Algeri - - Tamanrasset
Partenza con volo di linea Air Algerie AH 2025 FCO ALG 1440 1520. Proseguimento con AH6290 ALG TMR 23.00 01.15. Arrivo, trasferimento all’hotel Tahat. Pernottamento.

2° giorno : Tamanrasset - Atakor
Dopo colazione, partenza per le cime vulcaniche dell’Atakor. Deviazione a 15 km da Tam verso la Guelta di Imlaoulaouen. Camminando si costeggia l’Akar Akar una montagna di rocce rosse, detta castello di Antinea, dove dovrebbe ancora vivere il muflone. Qui si possono vedere alcune rocce granitiche con graffiti raffiguranti figure umane e animali. Si prosegue quindi per la guelta di Afilale, nella cui zona si trova la stazione preistorica di Tiltekine, ritenuto il sito rupestre più importante dell’Atakor. Sistemazione al campo. Pensione completa.

3° giorno : Atakor - Assekrem
Il viaggio prosegue in un paesaggio lunare. Dopo un continuo saliscendi, la pista comincia ad inerpicarsi per giungere al rifugio situato a 2600 metri di quota. Bellissima la visione delle cime che circondano il lato sud del rifugio un vero anfiteatro di guglie e vette che ricorda lontanamente le Dolomiti. In circa 20 minuti di camminata, si raggiunge l’Eremo Charles Foucauld*, a 2780 metri, collocato poco sopra al rifugio. Attesa del crepuscolo per immortalare le guglie che si tingono di rosso per i raggi del sole al tramonto. Rientro al rifugio. Cena e pernottamento.

4° giorno : Assekrem – Tafedest – Saline Amador - Talouhat
Prima dell’alba, possibilità di risalita all’eremo per assistere al sorgere del sole. Dopo colazione discesa verso il villaggio di Hirafok (villaggio Tuareg). I Tuareg dell’Hoggar commercializzavano il sale trasportandolo in pani, lungo le vie carovaniere, fino ai mercati del Sudan dove i preziosi pani di sale venivano scambiati con altre merci di prima necessità. Il sale era fonte di scambi anche con i nomadi dell’Air e del sahel nigerino. Da qui si prende la pista verso la quasi inesplorata catena del Tafedest, dove si trovano incisioni del neolitico. Davanti a noi la famosa montagna del Garet el Djenoun. Da qui si raggiungeranno le saline dell’Amador, dove il sale affiora dal fondo di un lago prosciugato. Quest’ultime,attualmente abbandonate, costituivano la più grande riserva di salgemma per la popolazione locale. Pernottamento in tenda presso l’oued talouhat. Pensione completa.

5° giorno : Talouhat – Erg Tihodaine
Il viagigo continua con l’ingresso nell’Erg Tihodaine. L’Erg di Tihodaine (Erg, termine arabo per definire una regione di dune) con il suo sistema di dune che si insinuano tra le nere rocce in un ambiente di sconosciuta bellezza sarà esplorato durante la giornata. Sistemazione in tenda, pensione completa.

6° giorno : Erg de Tihodaine - Ifedeniouene
Partenza per il plateau d’Ifedeniouene. Scoperta delle pitture rupestri all’interno delle grotte. Sistemazione in tenda, pensione completa.

7° giorno : Ifedeniouene - Ihrir
Partenza per Ihrir, salendo la pista ben tracciata che conduce al pietroso altopiano di Fadnoun. La pista, parecchio tortuosa, ci ributta verso la valle di Ihrir. Arrivo in questo piccolo villaggio tuareg dalle caratteristiche capanne, incastonato in un impressionante canyon i cui sedimenti risalgono a più di 400 milioni di anni. Ricco di bacini dove vivono pesci ed animali d'acqua dolce e dove si respira un'atmosfera particolare, la stessa del Tassili di migliaia di anni fa. Sistemazione al campement Zeribat (case rotonde in pietra). Pensione completa.

8° giorno : Ihrir - Dider
Giornata dedicata alla scoperta delle numerose Guelta della zona per poi uscire dalla valle di Iherir per riprendere la pista che ci guida nella regione di Dider, ampio spazio di pascolo, rifugio per i nomadi di questa tormentata regione di montagna. In mezzo alla piana appare Tin Terhert, "la roccia scolpita", un grande masso di arenaria a forma di cupola ricoperto da incisioni. Questi graffiti sono considerati tra i più belli di tutto il Sahara. Giraffe, struzzi, antilopi e figure umane nonché una raffinatissima e delicata piccola incisione - 50 cm di altezza – rappresentante un antilope accanto alla famosa mucca ricciuta di circa 5 mt. Sistemazione in tenda, pensione completa.

9° giorno : Dider – Erg D’Admer - Djanet
Partenza per l’Erg D’Admer: grandi dune di sabbia fine che assumono colore differenti a secondo dell’ora della giornata, che si accavallano e si muovono sotto la spinta del vento, sollevando una polvere impalpabile, capace tuttavia, di creare altre dune, di portare avanti l’opera del deserto. Attraverso corridoi naturali fra una duna e l’altra, percorrendo un mondo del tutto surreale si raggiunge Tigharghart. Qui un misterioso artista neolitico ha realizzato il suo capolavoro. Il disegno lascia vedere una vacca, « la vacca che piange », un bassorilievo di grande effetto. Proseguimento verso la vicina Djanet. Sistemazione all’hotel Ténéré. Pensione completa.

10° giorno : Djanet – Tamrit (Inizio trekking sul Tassili*)
Partenza in 4x4 fino ad Agba Tafelelet dove si lasciano le auto. Inizio del trekking con supporto di muli da carico. Salita verso Tamrit, luogo mitico dei viaggiatori Sahariani. Inizialmente pianeggiante il sentiero diventa gradatamente più scosceso e, con circa 1 ora di marcia in salita, si raggiunge Tafetest, un grande altopiano circondato da pareti verticali. Attraversato il pianoro ci si inoltra in un canyon, con salita prima dolce e poi molto ripida arrivando sull’altopiano del Tassili, a circa 1700 metri. Dinanzi a noi si apre un tavoliere pietroso che si perde all’orizzonte e sembra essere senza fine. Ci si incammina in questo paesaggio lunare che gradualmente cambia aspetto. Dopo un’ora di cammino totalmente pianeggiante si in un vero labirinto: si tratta di una zona di canyon non molto profondi ma da cui, non conoscendoli, sarebbe difficoltoso uscirne. Ci sono graffiti sulle rocce, figure umane tracciate con segni eleganti, animali stilizzati. In quattro ore si raggiunge a quasi 2.000 mt d’altitudine, Tamrit: il paesaggio roccioso e spigoloso del Tassili appare in tutta la sua magnificenza ed alla fine di un canyon spuntano i cipressi preistorici, vecchi di almeno 4.000, ormai alla fine della loro esistenza. Sistemazione in tenda, pensione completa.

11° giorno : Tamrit - Sefar
Si riparte al mattino per Sefar. A Tin-Itinen, sulle pareti rocciose, ecco apparire i carri, quelli che la leggenda lega ai Garamanti*. Con 4 ore di tranquillo cammino si raggiunge Sefar. La zona di Sefar, caratterizzata da formazioni rocciose che sorgono da bellissime dune, è ricchissima di pitture e si divide in Sefar Blanc e Sefar Noir. Sistemazione in tenda, pensione completa.

12° giorno : Sefar - Tin Tazarift - In Touhami
Si parte alle 8 per visitare le pitture che si trovano nel vicino sito di Tin Tazarift. La località, oltre che per i bellissimi disegni rupestri, merita una visita per la spettacolarità del paesaggio, come d’altronde la maggior parte del Tassili. Un labirinto di altissime guglie erose dagli agenti atmosferici ed adagiate a ridosso di piccole dune sabbiose create dal vento. Lasciata la bellissima zona di Sefar, ricca di guglie, si attraversa, dirigendosi verso ovest, un immenso altopiano pietroso di cui non si vede la fine. La direzione del nostro cammino, avvicinandosi alla zona del campo, si rivolge a sud ed il paesaggio cambia nuovamente. Si incontrano altre guglie ed altri pinnacoli. Durante il cammino si visitano altri siti con disegni rupestri. Sistemazione in tenda, pensione completa.

13° giorno : In Touhami – Tamrit - Agba
Da In Touhami si ripercorre l’altopiano verso Tamrit. Si inizia la discesa seguendo un sentiero diverso da quello percorso durante la salita per arrivare ad Agba. Sistemazione in tenda, pensione completa.

14° giorno : Agba - Djanet
Si parte alle 8 per scendere a Tafilatet. Appuntamento con i fuoristrada per il ritorno a Djanet. L’oasi di Djanet, situata al sud dell’Algeria al confine con la Libia, è da decine di anni chiamata la “perla del deserto”. Dista centinaia di chilometri da qualsiasi altro centro abitato ed è a circa 1000 metri di altitudine. Quasi tutte le costruzioni sono abbarbicate sull’erta di una scarpata, sui contrafforti del Tassili. La pianura sottostante viene utilizzate per le preziose coltivazioni. Le sue origini si perdono nella notte dei tempi, la storia certa risale alla fine dell’800. La sua posizione strategica, proprio all’imbocco della catena del Tassili, ne fece una preda ambita dai Francesi che la occuparono. Nella parte alta dell’abitato è ancora visibile Fort Chalet, che prende il nome da un comandante Francese e ospitava i soldati della Legione Straniera. Visita dell’oasi, cena e day use all’hotel Tenere.

15° giorno : Djanet – - Algeri - - Roma
In nottata trasferimento in aeroporto per il volo Djanet - Algeri. Coincidenza con il volo per Roma.

 

Quota di partecipazione: - euro  
Su richiesta minimo 10 partecipanti  

La quota include:
  Volo di linea Air Algerie in partenza da Roma in classe economica (V/Y), tasse aeroportuali escluse
  Voli interni Algeri - Tamanrasset e Djanet – Algeri
  20 kg di franchigia bagaglio
  Tutti i trasferimenti
  Tour con veicoli 4x4
  Autisti professionisti
  Guida locale parlante francese
  Accompagnatore dall’Italia
  Pensione completa tranne ad Algeri dove è previsto il pernottamento e la prima colazione
  Tasse d’ingresso ai parchi
  Sistemazioni come da programma
  10 muli per il trekking (5 per i bagagli e 5 per il trasporto della cucina e dell’acqua)

La quota non include:
  Tasse aeroportuali voli internazionali (circa 75 euro, quota da riconfermare)
  Spese di ottenimento visto, 80 euro

  Eventuali tasse aeroportuali, di sicurezza e tasse doganali terrestri pagabili solamente in loco
  Tasse aeroportuali
  Bevande
  Mance
  Extra personali
  Quota gestione pratica, include assicurazione annullamento
(vedi condizioni e costi)
  Quanto non specificato alla voce “la quota include”

Supplementi :
  Supplemento camera singola, su richiesta

 

Informazioni di viaggio

Itinerario


* Introduzione al viaggio
"O uomo, che importa che tu abbia caldo o freddo? È la legge del deserto aver caldo di giorno e freddo di notte. Ma non hai che da volgere la tua fronte al cielo per ricevere il sole e poi le stelle. E sarai contento".
Mussa Ag Amastane - poeta Tuareg

Le emozioni che si provano nel deserto vanno ben oltre alle sensazioni meteorologiche del caldo e del freddo. Sono sensazioni di calma, di tranquillità e di pace in netta contrapposizione coi ritmi frenetici cui siamo abituati, con i quali conviviamo in questa nostra società “civile”. La totale immersione in una natura incontaminata, la bellezza dei paesaggi intorno a noi, i colori delle dune che variano dall’ocra al rosso con riflessi che, al tramonto ed all’alba, assumono toni ed ombreggiature che solo un pittore può esprimere sulle sue tele ed il cielo di un azzurro intenso durante il giorno e traboccante di stelle nelle notti regalano al visitatore, che sappia affrontare i piccoli disagi che inevitabilmente s’incontrano, un senso di dolcezza e di serenità che fanno apprezzare maggiormente la bellezza del nostro “vecchio” mondo. Questa considerazione sul deserto, dove la vita sembra quasi assente, può apparire contrastante solo al viaggiatore che lo osserva in modo superficiale infatti, specialmente nelle zone rocciose, il deserto è ricco di vita: oltre ai pochi mammiferi di grosse dimensioni come dromedari, gazzelle e fennec (la volpe del deserto), sono presenti numerosissimi insetti, piccoli rettili e molti volatili. Cosa dire poi dei rari arbusti spinosi e delle poche piante che riescono a vivere in un ambiente tanto ostile spingendo le loro radici in profondità per riuscire a catturare la poca acqua presente nel sottosuolo?
Il nostro viaggio si svolge nel sud dell’Algeria, in una zona dove il 90% della popolazione è di etnia Tuareg (Targhi al singolare). Parenti prossimi dei berberi, sono ammirati per l’eleganza dei loro abiti e del loro portamento davvero regale, sono riusciti ad insediarsi ed a sviluppare una straordinaria civiltà nomade in un territorio che può sembrare invivibile. Il loro nome, probabilmente, deriva dalla parola araba targa e sta ad indicare una regione ricca di alberi e di acqua, come erano questi territori in epoche remote. I Tuareg sono molto fieri della loro etnia e si considerano uomini liberi, cavalieri straordinari e profondi conoscitori del deserto. La loro lingua è il tamashek, derivata dal berbero, ma parlano quasi tutti correttamente anche il francese. Sono chiamati “uomini blu” perché il loro shèsh (lunga striscia di stoffa di solito blu dietro la quale nascondono il viso), stingendosi fa sì che il loro volto prenda una tinteggiatura blu. Secondo la tradizione Tuareg, il shèsh serve anche per evitare che gli spiriti maligni si introducano nel cuore attraverso il naso e la bocca. Contrariamente a quanto accade nel mondo arabo, le donne non si coprono il volto e, in questa società apparentemente maschilista, sono loro che tramandano la scrittura, che insegnano ai bambini e che erigono le tende possono anche abbandonare il marito con la stessa formula che il Corano prevede per gli uomini. Purtroppo oggi il progresso ha reso quasi inutili le vecchie attività degli uomini Tuareg, che erano principalmente la lavorazione della pelle per confezionare le selle ed il commercio effettuato con lunghe carovane di dromedari che percorrevano le piste transahariane. Nonostante questo disfacimento culturale, il popolo Tuareg non si è dato per vinto e, con l’avvento dei pur rari visitatori, si è dedicato alle attività legate al turismo, quali l’artigianato e la guida dei viaggiatori nell’attraversamento del deserto. Trascorrere qualche giorno nel deserto in compagnia dei Tuareg può rivelarsi un’esperienza stupenda ed indimenticabile. Abilissimi ad orientarsi anche quando non ci sono punti di riferimento e lo sguardo, rivolto all’orizzonte, non scorge che sabbia e pietre. Questa loro profonda conoscenza del territorio infonde un senso di sicurezza al viaggiatore che da solo non saprebbe certamente dove dirigersi. Prima di iniziare la traversata, che si svolge sempre con tranquillità e senza fretta, ci si procura la legna che servirà per accendere il fuoco, un vero rito che si effettua tre volte al giorno, al mattino appena svegli per il tè della colazione, per cucinare il pasto di mezzogiorno e della sera. Il cibo del Targhi, nel deserto, è costituito essenzialmente dalla “galletta”, un pane non lievitato fatto con semola di mais, acqua e sale. Acceso il fuoco per procurarsi la brace, il Targhi impasta il tutto con una perizia degna del miglior pizzaiolo napoletano ottenuta la consistenza voluta, la galletta viene coperta di sabbia su cui si deposita la brace. Dopo circa 30 minuti la cottura è terminata, la galletta viene estratta dalla sabbia, pulita e ridotta in minuscoli pezzettini che sono conditi con verdure e carne tagliata a pezzi, precedentemente fatti cuocere in umido. Dopo il pasto non può mancare il tè che, specialmente alla sera, costituisce un vero rito. Le foglioline di tè, a volte accompagnate da qualche foglia di menta, sono fatte bollire tre volte per ottenere tè di concentrazione sempre minore. Al termine di ogni bollitura si aggiunge lo zucchero che viene rimescolato travasando, con notevole perizia, il tè da una teiera ad un’altra, per diverse volte e tenendo le due teiere notevolmente una più in basso dell’altra. Tutti e tre i diversi tè vanno bevuti perché ognuno ha un suo significato: secondo la tradizione Tuareg il primo è duro come la morte, il secondo è forte come la vita mentre il terzo è dolce come l’amore.
Il deserto non è soltanto sabbia, infatti unicamente il 20% circa del Sahara è sabbioso. La zona dell’Hoggar, da noi attraversata nella prima settimana, è costituita prevalentemente da un altopiano roccioso a gradinate sul quale si innalzano dei pinnacoli isolati, resti di antiche attività vulcaniche tra essi il più elevato è il Tahat (2918 metri). Il Tassili n’Ajjer, visitato nella seconda settimana, è formato da un vasto altopiano terrazzato posto ai margini del massiccio dell’Hoggar, con guglie e pinnacoli di arenaria profondamente incisi dall’erosione. La zona del Tassili costituisce uno dei maggiori centri dell’arte rupestre sahariana. In particolare è celebre per le numerose ed importanti pitture parietali esplorate e rilevate in maniera sistematica dalla metà degli anni ’50 in poi.

* Hoggar
L’ Hoggar (du tamachek Ahaggar) è una catena montuosa del Sahara algerino. Posizionato a est di Tamanrasset, raggiunge col monte Tahat, al centro dell’Atakor, i 2918 metri. Vero deserto di pietra, l’Hoggar è essenzialmente costituito da rocce vulcaniche. Il clima è molto caldo in estate ma in invero non sono rare le gelate notturne Le piogge sono limitate e sporadiche. Di fatto ha un clima meno estremo rispetto al resto del Sahara, e per questo è rifugio per alcune specie di animali e piante. L’Hoggar è anche il luogo ancestrale del gruppo Touareg chiamato Kel Ahaggar.

* Charles de Foucauld
Charles de Foucauld visconte di Pontbriand, detto il marabutto bianco (Strasburgo, 15 settembre 1858 – Tamanrasset, 1 dicembre 1916) è stato un religioso francese della Chiesa cattolica, che lo venera come beato, ed uno studioso della lingua e della cultura dei Tuareg.
Nacque in Alsazia, da famiglia nobile. Nel 1864 perse entrambi i genitori e venne affidato al nonno materno. Nel 1876 entrò all'École Spéciale Militaire de Saint-Cyr. Due anni dopo, alla morte del nonno, ricevette un'ingente eredità che dilapidò in poco tempo. Non si dimostrò un buon studente arrivando ultimo nelle selezioni del proprio corso, anche perché distratto dalla relazione con una fanciulla di dubbia reputazione. Nel 1880 si trasferì in Africa, in Algeria. Si distinse per le sue buone qualità di soldato, ma lasciò l'esercito per dedicarsi a spedizioni geografiche in Marocco ove studiò l'arabo e l'ebraico. Si fidanzò con una fanciulla del luogo, ma fu costretto a lasciarla per l'ostilità dei genitori. Nel 1885, ricevette la medaglia d'oro dalla Società Francese di Geografia per il viaggio di esplorazione del Marocco. L'anno successivo ritornò in Francia.
Pur essendo stato battezzato, Charles non visse mai una vera e propria vita di fede, ma tornato in patria sentì il bisogno di conoscere meglio la religione cattolica. Iniziò, così, un cammino spirituale che, agli inizi del 1889, lo portò in Israele, a Nazaret. Rimase affascinato da quella realtà e comprese di essere chiamato a vivere come "viveva la Santa Famiglia di Nazaret".
Nel 1890 entrò nella trappa "Notre Dame des Neiges" in Francia, dopo sei mesi però si ritirò in una trappa molto più povera in Siria, ad Akbes. Redasse, in questo periodo, un primo progetto di congregazione religiosa e chiese di essere dispensato dai voti. Nell'ottobre del 1896 venne mandato a Roma per studiare. Nel 1897 l'abate generale dei Trappisti lo lasciò libero di seguire la sua vocazione.
Nello stesso anno si recò a Nazaret, dove lavorò come domestico delle monache Clarisse abitando in una capanna del loro giardino. Restò a Nazaret tre anni e decise di divenire sacerdote. Tornato in Francia nel 1901, venne ordinato prete a Viviers nell'Ardèche.
Nel 1901 giunse in Algeria stabilendosi nel deserto del Sahara, ai confini con il Marocco. Iniziò una vita in conformità dello "stile di Nazaret", cioè preghiera, silenzio, lavoro manuale, assistenza ai poveri. Definì le linee del suo pensiero e gli statuti dei "Piccoli fratelli del Sacro Cuore", congregazione religiosa che non riuscì a fondare.
A Beni Abbes fondò un romitorio, dove accolse i poveri della regione e studiò, per preparare la strada ai futuri missionari, la lingua dei Tuareg. Viaggiò nel deserto e tra le città algerine e, a Tamanrasset, fondò un eremo. Si impegnò nella difesa delle popolazioni locali dagli assalti dei predoni.
Si recò tre volte in Francia, tra il 1909 ed il 1913, nell'intento di fondare l' "Unione dei fratelli e delle sorelle del Sacro Cuore", associazione di laici per l'evangelizzazione dei popoli.
Nel 1916 costruì, intorno all'eremo di Tamanrasset, un fortino per proteggere la popolazione dai predoni. Nello stesso anno, proprio durante un loro assalto, perse la vita.

* Tassili n’Ajjer
Il Tassili n'Ajjer, che in berbero significa "Altopiano (Tassili) dei tuareg Kel Ajjer", è un massiccio montuoso del deserto del Sahara, situato nel sud est dell'Algeria presso il confine con la Libia (Ghat). Esso si estende per circa 500 chilometri in direzione nord-ovest sud-est, ed il suo punto più elevato è costituito dal monte Afao, alto 2.158 metri. La città più vicina è Djanet, circa 10 chilometri a sud ovest del massiccio.
Gran parte della catena montuosa, compresi i cipressi e i siti archeologici, è protetta all'interno di un Parco nazionale, oltre che come Riserva della biosfera e sito inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.
La catena montuosa è composta in gran parte di arenaria. L'erosione dell'area ha fatto sì che si formassero circa 300 archi di roccia, oltre a numerose altre formazioni rocciose.
A causa dell'altitudine e delle proprietà dell'arenaria, la vegetazione è molto ricca, al contrario di ciò che succede nel deserto circostante. Essa comprende, nella metà orientale e più alta della catena, una vastissima varietà di flora, tra cui spiccano le specie endemiche e rarissime del cipresso del Sahara e del mirto sahariano.
L'ecologia del Tassili n'Ajjer appartiene all'ecoregione del Sahara occidentale. In questa regione millenni fa scorrevano numerosi fiumi, a testimonianza di un'epoca in cui il clima era molto diverso da quello attuale.
Il Tassili n'Ajjer è noto anche per l'arte rupestre di epoca preistorica e per altri antichi siti archeologici di epoca neolitica, quando in questa regione il clima era più umido e al posto del deserto vi era la savana.

* Garamanti
I Garamanti (in latino e greco Garamantes), erano una popolazione di lingua berbera che abitava nel Sahara. Fondarono un regno nella regione del Fezzan (nell'attuale Libia) e costituirono una potenza regionale nel Sahara all'incirca tra il 500 a.C. e il 500 d.C.
Non si dispone di molte informazioni relative ai Garamanti. Lo stesso nome con cui essi si designavano ci è giunto attraverso la forma grecizzata Garamantes, adottata in seguito anche dai Romani. Si tratta probabilmente di un nome derivato da quello di Garama, la loro capitale, citata da Plinio il vecchio e da Tolomeo , e corrispondente all'attuale Germa (circa 150 km ad ovest della città di Sebha). La maggior parte delle nostre conoscenze proviene da fonti greche e latine, nonché da recenti scavi archeologici nella regione, anche se vaste zone ricche di ruderi rimangono ancora da scavare. Un'altra importante fonte di informazione sono le numerose iscrizioni rupestri, molte delle quali dipinte prima dell'ascesa del loro regno. Negli anni Sessanta e Settanta, gli archeologi scavarono parte della capitale dei Garamanti (Garama, l'attuale Germa) e di quella che probabilmente era stata la loro capitale in precedenza, Zinchecra, situata su di uno sperone roccioso a poca distanza da essa. Allo stato attuale delle ricerche sembra che i Garamanti avessero otto città principali, di cui solo tre sono state studiate (a tutto il 2004). Inoltre, avevano numerosi altri insediamenti. La popolazione di Garama doveva essere di circa 4.000 persone, mentre altre 6.000 circa vivevano nei suoi pressi, in un raggio di 5 chilometri.
I Garamanti erano coltivatori, artigiani e commercianti. La loro religione era basata su modelli egizi, e alcuni dei loro morti furono sepolti in piccole piramidi. Per scrivere usavano l'alfabeto libico-berbero. La scoperta, ad opera del professor Fabrizio Mori, di una mummia risalente al 3500 a.C. circa a Uan Muhuggiag, fa pensare che nella regione l'usanza di mummificare i corpi fosse una tradizione estremamente antica.
L'alimentazione dei Garamanti comprendeva uva, fichi, orzo e frumento. Commerciavano frumento, sale e schiavi, e in cambio importavano vino ed olio d'oliva, lampade a olio e stoviglie di fabbricazione romana. Secondo Strabone e Plinio il Vecchio, i Garamantes estraevano amazonite nei monti del Tibesti. I resti fin qui ritrovati comprendono numerose tombe, fortificazioni e cimiteri. I Garamanti costruirono una rete di gallerie e condotte sotterranee per portare in superficie le acque fossili che si trovano sotto lo strato di calcare nel sottosuolo del deserto. Essa venne costruita intorno al 200 a.C. e fin verso il 200. Questo sistema di gallerie sotterranee è oggi conosciuto col nome arabo di foggara (diversi altri nomi sono usati dai berberi odierni, in particolare: éfeli in tuareg, e targa in altre regioni. Significativamente oggi in tuareg Targa è il nome della regione del Fezzan). Questo sistema di irrigazione permetteva all'agricoltura di prosperare, ma esigeva, per la sua manutenzione, l'utilizzo di manodopera, per la quale si ricorreva agli schiavi.
Probabilmente i Garamanti esistevano già, come popolazione tribale del Fezzan, intorno al 1000 a.C.. Compaiono per la prima volta in fonti scritte nel V secolo a.C., nell'opera di Erodoto, secondo il quale essi erano un popolo numeroso che allevava bestiame e dava la caccia, stando su quadrighe, agli "Etiopi Trogloditi" ("abitanti delle grotte") che vivevano nel deserto. Raffigurazioni di epoca romana li rappresentano con segni di scarificazioni rituali e tatuaggi. Tacito riporta che essi prestarono aiuti al ribelle Tacfarinas e fecero razzie negli insediamenti romani sulla costa.
I Romani mantennero fitti contatti commerciali con i Garamanli . Gli archeologi hanno perfino trovato a Garama un bagno romano. Tolomeo riporta che nell'85 un commerciante di nome Iulius Maternus, partito da Leptis Magna, avrebbe raggiunto il paese di Garama dove si sarebbe unito ad una spedizione del re dei Garamanti che si recava a combattere gli "Etiopi" ed avrebbe raggiunto, dopo 4 mesi, "la regione di Agysimba popolata dai rinoceronti, e dove vivono gli Etiopi" (probabilmente i confini dell'odierna Nigeria). Comunque sia, nonostante i rapporti commerciali, i Romani non consideravano i Garamanti pienamente civilizzati.
I Garamanti rappresentarono una continua minaccia per i possedimenti romani, e non si sottomisero mai alla potenza di Roma, a differenza degli abitanti della fascia costiera della Libia. Curiosamente, però, di essi Erodoto afferma "non possiedono armi da guerra né sanno come difendersi".
Nel I secolo a.C., i Garamanti effettuavano scorrerie in Nordafrica e si scontravano con le forze di Roma. Secondo Plinio il Vecchio, a un certo punto i Romani ne ebbero abbastanza delle scorrerie dei Garamanti e nel 19 a.C. Lucio Cornelio Balbo li sconfisse e festeggiò la vittoria con un trionfo nel quale erano enumerate le città, le tribù e le località geografiche da lui sottomesse.
Dopo una spedizione punitiva dei Romani nel 70, i Garamanti vennero costretti ad avere rapporti ufficiali con Roma, ed è possibile che siano divenuti "clienti" di Roma.
Intorno al 150 il regno dei Garamanti (nell'attuale Fezzan, lungo il Wadi l-Ajal), si estendeva per circa 180,000 chilometri quadrati. La sua durata continuò grosso modo fino alla conquista islamica nel VII secolo.
Sembra che il declino della cultura dei Garamanti si riallacci ad un inasprimento delle condizioni climatiche. Quello che oggi è deserto 1500 anni fa era terra agricola di discreta qualità. Dal momento che le riserve di acque fossili non si rinnovano rapidamente, nei sei secoli di durata del regno garamante la falda andò progressivamente abbassandosi. Il regno decadde e si frammentò. Il suo posto venne assunto dal suo concorrente, l'impero del Ghana nel Sudan occidentale.
Documenti bizantini affermano che il re dei Garamanti firmò un trattato di pace con Bisanzio nel 569 ed accettò il cristianesimo. In seguito, dei documenti musulmani affermano che nel 668 il re dei Garamanti venne imprigionato e trascinato via in catene. Alla fine tutta la regione venne assorbita nell'area di influenza islamica.

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.