ETIOPIA

Tour : "La Valle dell’Omo e la navigazione"
NBTS Viaggi... ecoturismo e archeologia fuori dai luoghi comuni


Tipologia tour
:
viaggio della Valle dell'Omo alla scoperta delle etnie Borana, Konso, Hamar, Mursi e con la navigazione del fiume Omo.
Durata :
17 giorni / 14 notti
Partenze individuali
: su richiesta.
Partenze di gruppo : -
Periodo consigliato : tutto l’anno. Il periodo migliore coincide con i mesi di aprile, maggio, ottobre, novembre, dicembre.
Codice : ETTC1703


Seguendo gli itinerari di Vittorio Bottego discendiamo la Valle dell’Omo prima in fuoristrada dove andremo alla scoperta delle popolazioni Hamer, Tzemay, Benna, Dordze e tante Altre. E poi lungo il fiume Omo che sfocia nel Lago Turkana, qui incontreremo i Mursi le cui donne hanno i caratteristici piattelli labiali,  i misteriosi Nyangatom che decorano le labbra inferiori con foglie e i Mugugi.

giorno, sabato : Italia –
Partenza per Addis Abeba con volo di linea. Pernottamento a bordo.
Pasti : -/-/-


2° giorno, domenica : Addis Abeba
Arrivo e trasferimento in Hotel. Visita della città di Addis Abeba. posta a 2.400 di altitudine. Letteralmente il suo nome significa “Il nuovo Fiore” e divenne la nuova capitale voluta dal Negus (imperatore) Menelik II il quale, nel 1887, la ampliò. In poco più di cento anni il piccolo villaggio che era agli inizi è divenuta una città di oltre un milione di abitanti. Notevoli sono i suoi monumenti tra i quali il Museo di Etnografia in cui è possibile ammirare il fossile di “Lucy”, il primo Australopiteco del genere Afarensis. Il  suo ritrovamento, nel 1974, nella valle dell’Awash, ha rivoluzionato le teorie sull’origine dell’uomo. Pranzo e cena liberi, pernottamento in hotel.
Pasti : -/-/-

3° giorno, lunedì : Addis Abeba – Arba Minch
Al mattino partenza per Il sud in 4x4 , la strada si snoda tra gli altopiani che degradano nella Rift Valley. Lungo il tragitto non sono rari gli incontri con delle popolazioni Oromo, termine generico con cui si indica un insieme di popoli di comune origine che occupano un territorio molto vasto, erano chiamati in passato con il termine spregiativo di Galla (pagani). Arrivo ad Arba Minch e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

4° giorno, martedì : I Dorze e il Lago Chamo
In mattinata trasferimento a Chencha da cui comincia l’escursione dei villaggi Dorze , famosi per i loro lavori di tessitura, molto caratteristiche le loro abitazioni costituite da un'intelaiatura di bambù e ricoperte da foglie di banana, interessanti anche le loro coltivazioni. Rientro a Turmi, pranzo e nel pomeriggio escursione in barca sul Lago Chamo dove si può osservare il cosiddetto “Crocodile Market”. In realtà il termine market non significa che vengono venduti i coccodrilli ma “ritrovo dei coccodrilli”, qui infatti vi sono i luoghi di stazionamento dei più grandi coccodrilli d’Africa. Rientro in hotel, cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

5° giorno, mercoledì : Arba Minch – Konso
Proseguimento per la valle dell’Omo, nel Paese dei Konso, popolo di coltivatori tra i primi in Africa ad aver sviluppato la tecnica di coltivazione a terrazzamento. Visita dei villaggi, sistemazione e posa del Campo. Cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

6° giorno, giovedì : Konso – Key Aafer – Djinka
Partenza per Djinka: lungo la strada incontriamo i villaggi del paese degli Erbore. Arrivo a Key Afer. Oggi è il giorno del mercato, che fungendo da attrattiva per le genti che vivono nella savana, offre la possibilità di osservare un vero mosaico di etnie, tra cui spiccano gli Hammer che vengono a barattare semplici oggetti. Il mercato in tutta l’Africa non è solo un occasione commerciale, ma ha una funzione sociale importantissima, al mercato si scambiano le mercanzie ma anche le idee e le notizie, si combinano alleanze e incontri di interessi. Arrivo a Djinka e sistemazione in hotel.
Pasti : C/P/C

7° giorno, venerdì : Djinka – I Mursi e il Parco Mago
Partenza per il Parco Mago dove vivono i Mursi. I Mursi sono famosi in tutto il mondo poiché le donne, per bellezza, usano mettere piattelli circolari di argilla nelle labbra, gli uomini invece hanno diverse scarificazioni a seconda del numero di animali catturati oppure dei nemici uccisi in battaglia, sono famosi anche perché usano bere il sangue del loro bestiame. E’  un popolo piuttosto diffidente e non sempre si riesce ad avvicinarli in maniera soddisfacente, ma il loro incontro rappresenta comunque una porzione forte di questo viaggio. Posa del Campo
Pasti : C/P/C

8° giorno, sabato : Paese Mursi – Navigazione
Al mattino continuiamo la visita dei Mursi. La vegetazione cambia appena ci avviciniamo al Fiume Om. Qui incontriamo i Gommoni che saranno il nostro unico mezzo di trasporto per i prossimi giorni. Navigando su gommoni (unica imbarcazione che può attraversare queste acque che spesso hanno rocce affioranti e strettoie con rapide) ci inoltriamo in una delle zone meno conosciute e esplorate dell’Africa a causa della difficoltà di accesso, infatti i meandri del fiume Omo non permettono di avere delle strade o delle piste per cui l’accesso a questi territori è solo per via fluviale. Alla sera posa del Campo lungo le rive.
Pasti : C/P/C

9º giorno, domenica : Navigazione – Il paese Kwegu Mugugi
Partenza per la navigazione del fiume Omo. Entriamo nel territorio del popolo  Kwengu-Mugugi, piccolissima etnia che vive esclusivamente in questa area di piccoli villaggi lungo il fiume Mago. Il loro nome inoltre è ortografato come Kwego. Il loro numero è veramente esiguo intorno a 1.000. Sono Nilotico-Sahariani. I Kwegu sono strettamente legati ai Karo; le due genti vivono insieme e a volte si sposano tra loro. Nel più grande villaggio in comune, la popolazione totale consiste di circa 350 Karo e di 150 Kwegu. Posa del campo a Mugugi in un bellissimo scenario.
Pasti : C/P/C

10° giorno, lunedì : Navigazione – Paese Nyangaton (Bume)
Incontriamo il popolo Nyangatom (a volte scritto Inyangatom), un gruppo etnico dedito all’allevamento, numericamente molto piccolo che transuma tra l’ Etiopia occidentale e il sud del Sudan orientale, che vive in una parte particolarmente inospitale del triangolo disputato tra kenya-Sudan ed Etiopia di Ilemi. Sono imparentati con i Toposa i soli con cui vivono pacificamente, nel sud-est estremo del Sudan. La loro lingua è una delle lingue nilotiche orientali, strettamente connesso al Karimojong, Jie e a Teso dell'Uganda, il Toposa e il Turkana; queste lingue formano insieme il gruppo delle lingue di Teso-Turkana. Gli Nyangatom sono chiamati a volte con il peggiorativo di Bume dai loro nemici,soprattutto i Surma (Suri) in Etiopia e i Turkana in Kenya. Posa del campo, cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

11° giorno, martedì : Navigazione – Paese dei Karo
Qui possiamo incontrare i villaggi Karo più caratteristici e lontani dal turismo, molti di loro non hanno mai visto un “ferengi” cosi viene chiamato un europeo e il non africano in generale. I Paese Karo sono una popolazione di ceppo nilotico che vive in capanne di forma circolare , i Karo hanno una struttura atletica e in media misurano da adulti un metro e novanta, gli uomini hanno un’ acconciatura che viene elaborata senza trascurare nessun particolare. Posa del campo lungo il fiume. Cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

12° giorno, mercoledì : Fine navigazione – Turmi – Paese Hamer
Navigazione nel fiume Omo. Arrivo al villaggio Karo di Kortcho sulle rive del fiume Omo dove ritroviamo i fuoristrada che ci attendono. E’ la fine di una viaggio senza tempo. Qui ritroviamo il gusto di mordere la pista. partenza nel Paese degli Hamer, popolo molto bello. Sia gli uomini che le donne si decorano con capigliature molto elaborate e con oggetti di varia natura per cui potrete osservare gioielli ricavati da lattine di latte condensato, pendagli vari, cavigliere e protezioni per il collo in argento lavorato. Se la fortuna ci assisterà potremo osservare le cerimonie di preparazione al matrimonio come il Salto dei tori fatta dagli aspiranti sposi i quali devono camminare sui dorsi di sempre più bovini (fino a 20 in taluni casi) senza cadere. Mentre le donne devono sottoporsi alle angherie e ai colpi di bastone delle altre donne e dei loro parenti maschi per dimostrare di essere forti e coraggiose. La divisione sociale degli hamer è fortemente legata alla famiglia e la classe di appartenenza. Le donne indossano pelli decorate con conchiglie; la prima moglie indossa un collare di ferro. Arrivo a Turmi sistemazione all’Evangadi lodge (o piccoli bungalow molto semplici o tende fisse a seconda della disponibilità). Cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

13° giorno, giovedì : Turmi – Omorate – Turmi
Partenza per Omorate, nel  Paese dei Dassanech, popolo molto affine ai Turkana del Kenya. Grandi guerrieri i Dassanech vivono tra il Lago Stefania (Chew Bahir) e il nord del lago Rodolfo (Turkana). Durante alcune danze i Dassanech usano cingersi di cimieri che ricordano la criniera dei leoni maschi. Al ritorno visitiamo altre concessioni e villaggi degli Hamer. Rientro a Turmi in serata. Pernottamento al lodge.
Pasti : C/P/C

14° giorno, venerdì : Turmi – Arba Minch
Si entra nel paese degli Tzamai, popolo di origini nilotiche dedito alla pastorizia, visita dei villaggi di questa popolazione, le donne usano portare un particolare perizoma a forma di coda. Lungo la strada si incontrano anche varie etnie, Benna, Ari. Partenza per Arba Minch, arrivo, cena in un ristorante e Pernottamento in hotel.
Pasti : C/P/C

15° giorno, sabato : Arba Minch – Langano
Partenza in mattinata e rotta verso nord. Arrivo a Langano e sistemazione nell’Eco-Lodge. Numerose sono le possibilità di rilassarsi e scoprire  la natura di questo luogo. Cena e pernottamento.
Pasti : C/P/C

16° giorno, domenica : Langano – Addis Abeba –

Partenza in mattinata per rientrare a Addis Abeba, non prima di aver salutato la Rift Valley. Rientro nella capitale sistemazione in hotel. Pranzo, cena con spettacolo di danze. Pernottamento in hotel (o volo a seconda degli operativi aerei).
Pasti : C/P/C

17° giorno, lunedì : Italia
Coincidenza per l’Italia. Arrivo in Italia.
Pasti : -/-/-

 

 QUESTO ITINERARIO FA PARTE DEL VECCHIO CATALOGO DI NBTS VIAGGI

 I prezzi aggiornati sono visibili al nuovo sito ---> clicca qui

 

La quota include:
  Volo di linea Ethiopian Airlines in partenza da Roma in classe economica
 
15 Kg. di franchigia bagaglio volo internazionale
 
Sistemazione negli hotels/ tenda indicati in camera doppia
 
Pensione completa per tutto il tour, tranne che ad Addis Abeba.
 
Tutti i trasferimenti
 
Tutto il materiale da campo, eccetto il sacco a pelo e il cuscino
 
Visite ed escursioni come da programma
 
Guida locale parlante italiano
 
Accompagnatore dall’Italia per gruppo minimo 10 persone

La quota non include:

 
Tasse aeroportuali voli internazionali, circa 220 euro (tariffa da confermare all'emissione del biglietto)
 
Spese di ottenimento Visto Etiopia, 17 euro (da pagare in loco)
 
Eventuali tasse aeroportuali, di sicurezza e tasse doganali terrestri pagabili solamente in loco
 
Tasse d’ingresso ai parchi, musei, chiese
 
Mance per guida e autista
 
Bevande
 
Extra personali
 
Quota gestione pratica, include assicurazione annullamento
 
Facchinaggio e quant’altro non indicato alla voce “la quota include”

Supplementi:
 
Supplemento camera singola, 200 euro
 
Supplemento alta stagione, 300 euro (dal 16 luglio al 15 agosto)
 
Volo di avvicinamento da altri aeroporti, a partire da 160 euro

 

Cat.        Hotel previsti o similari    Località                           Notti

-*         Jupiter                            Addis Abeba                 2
-*         Africa Unite                     Awasa                         1
-*         Mobil Hotel                      Yabelo                         1
-*         Motel Conso                    Conso                          1
-*         Jinka Resort                     Jinka                           1
3*        Swayenes Hotel                Arba Minch                   2
-*         Buska Lodge                    Turmi                           2
2*        Wabe Shebele                   Wondo Ghenet              1
3*        Wabe Shebele                   Balè National Park          2
-*         Tende a Igloo                   Campi mobili                 1

 

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.