LIBIA

Tour : "Ghadames, Erg di Ubari e Tripolitania"


Tipologia tour
: tour culturale archeologico con visita del deserto, dell'Oasi di Ghadames e della Tripolitania.
Durata : 15 giorni / 14 notti

Partenze individuali : tutti i giorni con voli Afriqiyah Airways da Roma Fiumicino, il sabato da Milano Malpensa con Libyan Arab Airlines.
Partenze di gruppo
: vedi date a fondo pagina.

Periodo consigliato : da Ottobre a Aprile. Nel periodo che va da maggio a settembre le temperature sono troppo elevate per permettere la visita del deserto.
Codice : LYTC1505


L’area della cultura berbera di Nalut e Ghadames di cui si narra provenga dalla mitica Atlantide, il Fezzan, il Sahara libico, dove la natura ha concentrato un insieme di caratteristiche naturali ed artistiche di notevole interesse: dai laghi incastonati fra le dune dell' erg di Ubari a quel vero e proprio museo di arte rupestre all'aperto che è Wadi Mathendush, dall'ambiente maestoso dell'Acacus alle splendide pitture preistoriche nascoste fra le sue rocce. Per finire un incontro ravvicinato con gli imponenti resti delle civiltà punica e romana in Tripolitania. Un tour ideale per
coloro che vogliono conoscere le testimonianze delle antiche civiltà, ma anche i grandi spazi del Sahara. Il viaggio prevede diversi giorni in tenda mobile e quindi un certo spirito di adattamento, ma regala emozioni impagabili.

1° giorno : Italia - - Tripoli
Partenza dall'Italia con volo di linea. Arrivo a Tripoli nel pomeriggio e visita della città. Trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

2° giorno : Tripoli - Nalut - Ghadames
Partenza verso sud per raggiungere l’Oasi di Ghadames. Lasciatoci alle spalle Tripoli ci si imbatte nella Gefarà, una pianura costiera stepposa dove è possibile incontrare greggi di capre e montoni al pascolo. Una serie di tornanti da cui si gode di un ampio panorama sulla costa porta fino alla sommità del gebel. La cittadina di Nalut è abbarbicata in alto sul ciglione di uno sperone strapiombante, dove si confonde con le rocce e con il colore del terreno lo ksar berbero, granaio collettivo fortificato, che all’esterno si presenta con mura compatte e con un’unica entrata che si apre angusta nel punto più difendibile. All’interno, sul cortile centrale, si affacciano delle piccole celle con volta a botte e porticine di accesso, l’una sovrapposta all’altra fino a formare sei piani, con una libertà costruttiva che non è disordine ma crescita organico-funzionale a partire da un unico modulo di base. Qui ciascuna famiglia riponeva i propri capitali agricoli in termini di semenze e raccolto: un luogo suggestivo. Lasciata Nalut si punta verso sud: inizia il deserto pietroso, l’hammada El Hamra (rossa) che digrada impercettibilmente verso sud-ovest, vasto penepiano con rari ciuffi d’erba solcato da una rete idrica fossile di wadi tutti convergenti verso la conca di Ghadames dove si arriva in serata. Cena e pernottamento in hotel.

3° giorno : Ghadames - Hammada El Hamra
Mattinata consacrata alla scoperta di questa città oasi alle porte del deserto. Un tempo centro di grande importanza, manteneva relazioni commerciali con i mercanti delle coste mediterranee e le popolazioni delle ancora sconosciute terre dell’Africa nera. Dapprima si visita il vecchio forte turco, poi italiano, trasformato ora in museo etnografico con qualche vestigia dell’antica Cydamus romana prima, bizantina poi. La città vecchia berbera s’incunea profondamente con i suoi sette quartieri nell’oasi: è un susseguirsi di vie coperte che prendono luce a tratti, piazzette con i banchi per riposare e discutere alla frescura, vicoli ciechi che disservono quartieri di abitazioni compatti. Un blocco urbanistico chiuso verso l’esterno, dove presenta alte mura, e articolato al suo interno da percorsi labirintici a terra per gli uomini e sulle terrazze per le donne. La luce e il calore del sole penetrano attraverso pozzi aperti in questi blocchi abitativi creando forti contrasti chiaroscurali ma soprattutto una penombra fresca e riposante che avvolge le stradine della città vecchia. Tutt’intorno l’oasi con le parcelle e gli orti irrigati con un ingegnoso sistema di ripartizione dell’acqua dove tutto è calcolato secondo la necessità. Ghadames costituisce un approccio simpatico al mondo e alle genti del Sahara. Pranzo in un ristorante locale, allestito nella suggestiva ambientazione delle tradizionali dimore della Città Vecchia. Dopo il pranzo e un breve riposo, con i fuoristrada iniziamo finalmente la nostra avventura nel deserto. Il primo approccio con questo nuovo ambiente è particolarmente impressionante: un’immensa distesa pianeggiante ricoperta di sassi e di polvere rossa, che pare non avere confini. E’ l’Hammada Al Hamra, la “Pianura Rossa”. Dopo esserci immersi in profondità in questo nuovo contesto, viene scelto il luogo dove allestire il nostro primo campo. Cena e pernottamento al campo. Pensione completa.

4°–5°–6° giorno : Hammada El Hamra - Traversata dell’erg di Ubari
Scorrono sotto le ruote dei nostri fuoristrada chilometri su chilometri di pista attorniata da questo desolato paesaggio, che sembra ripetersi all’infinito sempre uguale a se stesso, finché come un miracolo appaiono all’orizzonte i contorni dorati delle prime, altissime dune, colpite e modellate dalla luce del sole. La direttrice da seguire è nord sud ma le dune sbarrano spesso il passaggio e occorre di volta in volta tagliarle o aggirarle per riprendere l’asse giusto. Dune, corridoi, distese sabbiose chiare, dislivelli del terreno si susseguono dando vita a un paesaggio sempre mutevole e di grande bellezza. Si toccheranno alcuni pozzi, rari punti d’acqua in questa immensità, tappa obbligata per i viaggiatori che da sempre hanno dovuto attraversare questa distesa per recarsi dall’oasi di Ghadames al Fezzan, arida terra del sud. E’ una delle ormai rare occasioni in cui si può vivere il “rumore” del deserto: silenzio, vento, passi sulla sabbia, il thè intorno al fuoco la sera con i tuareg, le nostre guide... Campi mobili. Pensione completa.

7° giorno : Erg di Ubari – Al Awyinat
Percorrendo ancora le ultime dune, usciamo dall’Erg e ci immettiamo su una surreale strada asfaltata che continuamente si contende lo spazio che occupa con sabbia del deserto, sempre in agguato riprenderselo, fino a raggiungere il minuscolo centro abitato di Al Awyinat, nato nei pressi di un’oasi. Pranzo in una semplice struttura ricettiva, con la possibilità di fare una doccia. Nel pomeriggio partenza per l’Akakus del Nord, dove di allestirà il campo. Cena e pernottamento al campo. Pensione completa.

8°-9° giorno : Akakus – Erg Murzuq
Le creste seghettate che si infittiscono contro il cielo sono l’Akakus, la falesia intagliata dal corso di fiumi ora secchi, zona di pascolo per le poche famiglie tuareg che ancora ci vivono, scrigno di innumerevoli pitture e incisioni datati a migliaia di anni orsono e soprattutto una natura grandiosa e così varia da sorprendere chiunque. Rocce compatte si alternano a rocce che paiono merletti traforati, rocce nere bluastre accanto a rocce color crema, acacie stente a fianco di acacie sì spinose ma con tenere foglie di un verde brillante: terra di contrasti e di sorprese. A vederlo oggi pare incredibile che solo pochi millenni orsono qui si sviluppava una verde savana piena di animali e di pascoli. Al termine della nostra esplorazione dell’Akakus, si imbocca la pista in direzione dell’Erg Murzuq, attraversando l’Erg di Uan Kaza, barriera naturale di dune che separa questo dall’Akakus. Campo mobile. Pensione completa.

10° giorno : Mathandush – Ramla di Dauada (Erg Ubari)
Si continua la traversata imboccando la pista in direzione del Massak Sattafat (l’altopiano nero). Su questo altopiano lungo i meandri dei fiumi fossili che lo tagliano da ovest a est, sono state trovate migliaia di incisioni, testimonianza di un lungo periodo di frequentazione di antiche popolazioni. Ecco Mathendush, un bestiario in cui sfilano giraffe, un coccodrillo che porta il suo piccolo verso l’acqua, un leone accovacciato, alcuni uomini mascherati che tornano vittoriosi da una caccia al rinoceronte. A pochi chilometri c’è In Galghien, dove, in alto sull’uadi, si staglia un enorme elefante di rara bellezza. Proseguendo a nord di Germa si sviluppa l’erg di Ubari: un mare di dune con corridoi, creste affilate, improvvisi zigzag. Questa è la Ramla di Dauada, dove si allestirà il campo. Pranzi a picnic, cene e pernottamenti al campo.

11° giorno : I laghi di Ubari – Sebha - - Tripoli
Nel deserto possono accadere dei miracoli che non sono miraggi. Nella Ramla dei Dauada, estrema propaggine dell’erg di Ubari, appaiono dietro le dune, alle spalle di improvvisi filari di palme, dei laghi. Ventuno laghi punteggiano, a sorpresa, le grandi dune di sabbia rossastra dell’erg. Fino a pochi anni fa erano abitati dai Dauada, popolazione paleonegritica che per secoli visse riparata in questo ambiente nutrendosi di datteri e di piccole larve che si riproducono sulla superficie delle acque. Il lago di Gabr’aun è quello più grande, quello di Mandara è una crosta salata, il lago di Umm-el-ma (la madre delle acque) è il più piccolo e suggestivo. Nel tardo pomeriggio proseguimento verso Sebha, cena e trasferimento in aeroporto dove ci si imbarcherà sul volo per Tripoli. Sistemazione in hotel e pernottamento. Pensione completa.

12° giorno : Tripoli - Leptis Magna – Tripoli
A 125 km sulla costa mediterranea a est di Tripoli sorgeva Leptis Magna; in origine emporio fenicio, divenne poi insediamento punico legato a Cartagine e quindi ricca città romana, che conobbe diverse fasi di sviluppo fino a quando alla fine del II d.C. Settimio Severo volle la sua città natale grande e imponente: è uno dei luoghi archeologici più grandiosi dell’Africa romana. Nella visita si può seguire il progressivo ampliamento dell’insediamento urbano, dal foro vecchio al quartiere del teatro e del mercato, a quello delle terme di Adriano, fino all’imponente complesso severiano con la basilica giudiziaria e il nuovo foro sul quale svetta il tempio della famiglia imperiale: luoghi di una monumentalità marmorea spinta fino a eccessi barocchi. A sud-est, il grande anfiteatro collegato da imponenti viadotti all’ippodromo situato lungo il bordo del mare: un complesso che poteva contenere oltre 20.000 persone. Scrigno dimenticato, le terme dei cacciatori, presentano un ciclo di affreschi sulle cacce alle belve che si svolgevano nel circo rappresentati con efficace realismo e conservate in smaglianti colori. Ritorno a Tripoli. Pernottamento in hotel. Pensione completa.

13° giorno : Tripoli – Sabratha – Tripoli
Dopo colazione partenza per Sabrata (70 km), insediamento commerciale fenicio che fece parte con Leptis Magna e Oea dell’impero di Cartagine. Divenne città romana nel 46 a.C. con la creazione della provincia d’Africa. Deve la sua fortuna al mare: un approdo precario durante le lunghe navigazioni mediterranee e punto terminale delle rotte terrestri, luogo di arrivo delle carovane provenienti dall’Africa nera che cercavano contatti con i mercanti navigatori ansiosi di mettere le mani sulle ricchezze provenienti da terre che nessuno aveva mai visto. Dal cardo si attraversano i quartieri residenziali, il foro, le basiliche, il tempio di Liber Pater, le terme a mare, per raggiungere, spettacolare nella sua grandiosità, il teatro: lo sfondo è il mare e la scena – su tre piani – si staglia sul cielo: 108 colonne di marmo e granito, capitelli di fatture diverse, due grandi delfini in marmo ai lati del palcoscenico, delicati bassorilievi nei semicerchi del pulpito. Dopo pranzo partenza per Tripoli e visita del museo archeologico, dell’Arco di Marco Aurelio e della città vecchia. Cena in ristorante e pernottamento in hotel. Pensione completa.

14° giorno : Tripoli
La mattina visita al museo del Castello Rosso di Tripoli che ospita molte statue e alcuni splendidi mosaici delle ville costiere, un mausoleo proveniente da Ghirza, una sezione etnografica e storica. Proseguimento della visita della città vecchia (la Medina), del suo tipico mercato (suq) e delle moschee.

15° giorno : Tripoli - - Roma
Colazione in hotel e trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo di linea per Roma.

 

Quota di partecipazione: 2.511 euro 2.063 euro
Valida fino al 31 maggio 2010 2 persone 4 o più persone

La quota include:
  Volo di linea Afriqiyah Airways in partenza da Roma in classe economica (N), tasse aeroportuali escluse
  Volo interno Sebha - Tripoli
  15 Kg di franchigia bagaglio
  Assistenza aeroportuale (arrivo/partenza)
  Trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto
  Trasferimenti e spedizioni nel deserto
  Sistemazione in hotel o tenda in camera doppia come indicato
  Tutto il materiale da campo eccetto il sacco a pelo e il cuscino
  Pensione completa per tutto il tour tranne il primo e l’ultimo giorno (vedi dettaglio da programma)
  Visite ed escursioni come da programma con guida parlante italiano
  A Tripoli: tour leader libico parlante italiano
  Nel deserto: capo spedizione tuareg parlante italiano e autisti locali

La quota non include:
  Tasse aeroportuali voli internazionali (circa 65 euro, quota da riconfermare)
  Spese di ottenimento visto, modalità e costi da comunicare
  Ingresso ai siti archeologici e permessi fotografici, 4/5 euro per sito (da pagare in loco)
  Mance
  Bevande
  Extra personali
  Quota gestione pratica, include assicurazione annullamento
(vedi condizioni e costi)

  Quanto non indicato alla voce “la quota include”

Supplementi:
  Supplemento camera singola, su richiesta
  Supplemento alta stagione, da comunicare
  Partenze da altre città con volo AirOne 180 euro, escluse tasse aeroportuali

 

Hotel previsti o similari:

3*  Marhabban Hotel     Tripoli           5 notti
2*  Bab Al Fatah Hotel   Ghadames     1 notte
-*  Tende ad igloo        Deserto         8 notti

 

Partenze 2009
Settembre     19
Ottobre         10, 24
Novembre      14, 28
Dicembre       05, 19, 26

Partenze 2010

Gennaio        23
Febbraio       13, 27
Marzo           6, 27
Aprile            3, 17, 24

 

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.