MONUMENTI D’IRLANDA

L’Irlanda ha un notevole patrimonio ambientale, artistico e culturale. Molti dei suoi monumenti, castelli e dimore sono aperte al pubblico e il visitatore curioso è pienamente ricompensato dal senso della storia e della bellezza che questi luoghi ancora sprigionano. Il passato d’Irlanda diventa presente nelle sue vestigia e nei suoi luoghi storici.

PRIMA DELL'EPOCA CRISTIANA:  I dolmen, i tumuli come quello di Newgrange, i grandi circoli di pietre possono anche non stupire più il turista moderno. Ma I “crannogs”, cioè le città lacustri fondate in mezzo ai laghi, non sono uno spettacolo tanto frequente, e a Craggaunowen, nella contea di Clare, si può visitare un “crannog” magnificamente ricostruito. Quanto ai vecchi forti, il più stupefacente è Dun Aengus su una delle isole Aran, è il più imponente è Grianan of Aileach nel Donegal. Le stele di pietra, talvolta allineate secondo un ordine preciso, sono un elemento del paesaggio irlandese e molte recano iscrizioni in caratteri “Ogham”, brevi messaggi criptici di natura per lo più dedicatoria (pietre Ogham).

CROCI, ABBAZIE, CAPPELLE, TORRI:  Le croci celtiche sono innumerevoli e almeno centocinquanta hanno più; di mille anni. Tra le più belle quelle di Clonmacnois, di Kilfenora e di Dysert O’Dea. Quasi tutte le croci più antiche sono scolpite.

Le abbazie dell’Isola dei Santi sono altrettanto numerose e, per lo più, in rovina. Alcuni di questi ruderi malinconici rievocano il passato con molta più forza di quanto non potrebbero fare degli edifici intatti. Ci sono centinaia di abbazie alcune ben visibili, altre invece invase e nascoste dall’edera.

Le cappelle sono più rare: la più antica, Gallarus Oratory, si trova nella Penisola di Dingle, ed è praticamente intatta. Ma non si devono dimenticare le cappelle di San Kevin a Glendalough, e di Cormac a Cashel.

Le torri rotonde sono il tipo di monumento più noto d’Irlanda: ne esistono ancora una settantina. Erano torri di guardia e di difesa, cui si accedeva per mezzo di una scala a pioli, che veniva subito ritirata all’interno.

CASTELLI ANGLO-NORMANNI:  Sono talmente numerosi che nessuno si è mai preso la briga di contarli; molti sono in rovina. I resti delle loro torri e delle muraglie si stagliano contro il cielo, sia nel cuore delle cittadine, sia a strapiombo sulle scogliere più selvagge. Quelli di Chair e Bunratty sono I meglio conservati, quello di Roscommon è il più imponente, quello di Doe Castle, nel Donegal, il più suggestivo. Situato com’e’ a pelo dell’acqua. Ma ne troverete molti altri sulla vostra strada e certi non hanno neanche un nome.

L’EPOCA GEORGIANA:  E’ a Dublino che si trova il maggior numero di esempi dello stile georgiano: dai grandi edifici pubblici, come le “Four Courts” alle residenze private raccolte intorno a St Stephen’s Green. Di quest’ultime spesso non si vedono che le porte, ma bisognerebbe varcare la soglia di alcune per scoprire gli interni ancora più belli. Sempre a Dublino, non dimenticate di fare un giro in Fitzwilliam Square e in Merrion Square.

Fuori della città, lo stile georgiano si ritrova nelle residenze di campagna: alcune “a misura d’uomo” (e molte di queste sono oggi trasformate in confortevoli alberghi di campagna “Country Houses”), altre grandiose come Russborough, Castletown e Newbridge House nell’est, Bantry House nel Sud. Strkestown House nel nord.

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.