VENEZUELA

Informazioni : "Orinoco, il fiume e il suo delta"


L’Orinoco è il terzo fiume più grande di tutta l’America Latina dopo l’Rio delle Amazzoni e del Paraná-Río de La Plata. Sfocia nel Atlantico da 37 canali che formano uno dei Delta più grandi del mondo. Gli uomini, donne e bambini passano quasi tutto il tempo nelle Piraguas, assorbendo molto lentamente la civiltà e conservando la propria cultura. Queste terre non sono di facile acceso, per quello ci sono dei campeggi con escursioni organizzate che permettono scoprire la bellezza di questo luogo, accompagnati da indigeni e guida. Si possono pescare pirañas e vistare il villaggio degli indigeni.

Una linea divisoria fatta d’acqua. Così si può definire il Fiume Dell’Orinoco, il più importante del paese grazie alla sua lunghezza (2140 chilometri) e traiettoria, che prende origine in un punto immediato della frontiera fra lo stato della Amazona e Brasile, al sud est nella collina Delgado Chalbaud, spostandosi per prima verso l’ovest, dopo al nord e finalmente al est, per portare le sue acque all’oceano Atlantico.
Questo confine idrico riceve le acque di 194 fiumi e 600 affluenti che lo nutrono durante tutto l’anno, e il suo letto trasporta più di un milione di chilometri quadrati.

L’Orinoco e diviso in quattro sezioni, navigabili per maggioranza, le quali hanno fatto parte della storia, perché sulle sue rive si sono stabilite la maggior parte delle etnie indigene venezuelane.
A tutt’oggi dodici tribù di indigeni continuano a considerare questo grande braccio d’acqua come parte integrante della loro esistenza. Queste tribù sono i baniwa, bare, piaroa, guahibo, hoti, puinave, piapoco, curripaco, warekena vanomani, ve’kuana e utilizzano il fiume per navigare, pescare e trasportare i propri beni da scambiare o vendere.

Però a prescindere che la pesca mille di anni era già fonte di vita, L’Orinoco si e fatto notare dal mondo per le sue spedizioni Sig. Walter Raleigh, curioso cercatore di El Dorado che il 1595 penetrò attraverso il fiume fino alla Guayana per poi far rotta verso il Fiume Caroní.

Da lì in poi è stato considerato punto di riferimento per tutta l’estensione, dai suoi inizi come fiume di montagna fino ai numerosi canali del Delta, dove grandi condotti ancora in formazione da più di 30 chilometri di lunghezza, arrivano alla fine nell’azzurro Atlantico.

L’ORINOCO IN PARTI

Alto Orinoco: ha una estensione di 240 chilometri dalla sua nascita del fiume fino alla torrente dei Guaharibos. Attraverso il suo percorso il letto del fiume si allarga fino ad 51 metri ed è diviso in meandri e torrenti a scorrimento veloce.

Orinoco Medio: 750 chilometri sono percorsi da questa sezione del fiume che va da Los Guaharibos fino al torrente di Atures. In questo punto si raggiungono i 1.500 metri di larghezza al ricevere gli affluenti di acqua più importanti e cambiano indirizzo verso il nord.

Basso Orinoco: questa sezione e più grande , con una lunghezza di 950 chilometri e un grande sviluppo economico, visto che lì si stabilisce la maggior parte della popolazione. La sua corrente e variata dalla presenza del imponete Scudo Guayanés il quale dirige il corso del fiume e qui il Meta si unisce a lui per raggiungere una larghezza di 5 metri.

Delta dell’Orinoco: i 30 mila chilometri quadrati che compongono questa parte dell’Orinoco sono continuamente sconvolti dai continui sedimenti dei diversi affluenti che continuano a formare isole prima di arrivare all’Atlantico.

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.