Racconti di viaggio - Pakistan

di Anna Maria Zuarini e Giorgio Padula ©

 

UNA GIORNATA FRA I KALASH
di Anna Maria Zuarini e Giorgio Padula

 

Siamo nell’estremo nord ovest del Pakistan. Partiti da Chitral di buon mattino, dopo un viaggio di circa due ore in jeep e un breve ed agevole trekking, arriviamo a Bumburet, uno dei tre villaggi, gli altri sono Birer e Rumbur, dove vivono i Kalash.
Il villaggio è fatto di case unifamiliari in legno, senza finestre, alcune anche su palafitte, sparse un po’ dovunque fra gli alberi. Il paese è attraversato da un torrente d’acqua fresca e limpida.
Il paesaggio non ha nulla di particolare. Qui di particolare c’è solo la gente: ospitale, gioiosa con carnagione chiara, capelli castani se non biondi, occhi azzurri. Forse è vero quello che si afferma che essi sono gli “eredi di Alessandro il Macedone”, i discendenti cioè di quei soldati che, al termine della lunga campagna militare durata otto anni e mezzo, che li vide sballottati per ventimila chilometri dalla Macedonia all’Egitto, da Samarcanda alla Battriana (regione settentrionale dell’odierno Afghanistan) fino alla valle dell’Indo, decisero di non intraprendere il viaggio di ritorno decretato dall’oracolo. Erano soldati stanchi, esausti, molti dei quali con mogli, disertori, con l’aggiunta di un’intera divisione data per dispersa.

Ci fermiamo all’ombra di un grosso albero in riva al torrente. A Birer siamo entrati nelle case della gente. Qua, se avremo pazienza, saranno loro a cercare noi e qualcosa succederà. Arrivano infatti dopo un poco alla spicciolata. Sono tutte ragazze giovani e graziose. Alcune  indossano il tradizionale copricapo di feltro nero che cade sulla schiena, completamente ornato di conchiglie a forma di chicchi di caffè (cauri), campanellini, bottoni di madreperla, coralli, borchie. Siedono con noi, parlano, ridono, ammiccano. Chissà quanti commenti su di noi non certamente lusinghieri. Interrompiamo il loro chiacchiericcio offrendo un anellino a una delle ragazze. L’osservano, mostrano di gradirlo e così  inizia …il gioco del baratto: io do una cosa a te e tu dai una cosa a me. Per loro poi non è tanto un gioco, giacché praticano giornalmente il baratto come mezzo di scambio. E così: un anello con un braccialino, un fermaglio con un cauro, una biro con una borchia, dei biscotti con dei.. fichi, improvvisamente materializzatisi: saporiti, strani,  piccolissimi come delle piccolissime olive. Una ragazza ci mostra la sorellina di pochi mesi, molto ma molto graziosa. Capiremo dopo un po’, con l’universale linguaggio dei gesti, incuriositi dal modo amorevole con il quale se la coccola, che invece è la figlia. Cosi giovane e già sposata! E tuo marito? E’ fuori al pascolo. Giusto: Kalash significa uomo ma anche pastore.

S’avvicinano degli uomini. Non sono Kalash. Ci danno il benvenuto. Uno di loro, un giornalista, con l’aria di volerci compiacere, ci racconta che il popolo kalash , è proprio vero!, discende da Alessandro il Macedone. Fa parte cioè della nostra gente, e ciò dovrebbe inorgoglirci. Ci fingiamo meravigliati per non deluderlo e allora lui, sempre per compiacerci, ci elargisce un  interessante fiume di notizie. I Kalash, ridotti ormai a meno di millecinquecento anime, sono chiamati Kafiri, cioè pagani, dal mondo musulmano che li circonda, e, aggiungo io, che certamente li assedia. Ciò perché essi sono politeisti, idolatri. Le loro divinità, Khodai, creatore dell’universo, Balmain e altri, parlano attraverso emissari (dehar) capaci di cadere in trance. I riti religiosi sono pagani, legati agli eventi naturali e al succedersi delle stagioni. I Kafiri non sotterrano i loro morti ma li lasciano nelle bare scoperte, in aree cimiteriali e dedicano loro statue lignee. Le donne sono libere.

Ballano, bevono, conversano disinvoltamente con uomini anche se estranei e non indossano il chador. Non partoriscono nelle loro case ma nella “casa della maternità” perché impure. Dopo alcuni giorni dal parto rientrano in famiglia dopo essersi immerse nel torrente, anche se gelido, per purificarsi. Esse contano molto nella società kafira per essere presenti in un rapporto di tre a dieci. Sulla via del ritorno chiediamo alle nostre compagne di viaggio se, per contare di più nella vita, non preferiscano essere lasciate nel Kafiristan.
Non ci hanno rivolto la parola per tre giorni.

 

NBTS Viaggi srl Via A. Vespucci 9, 10128 Torino

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.