GIORDANIA: Siti archeologici Jerash, Madaba e il Monte Nebo

 

JERASH: La città di Jerash, seconda solo a Petra per importanza turistica, si distingue per la straordinaria continuità dell’occupazione umana. In questo luogo ricco d’acqua nelle colline di Gilead si trovano resti neolitici, greci, romani, bizantini, omayyadi e altri ancora; ma l’età d’oro arrivò con il dominio romano. Oggi la città è riconosciuta come una delle capitali provincia romana meglio conservata del mondo.

Jerash era una città aperta fatta di edifici isolati, riccamente decorati con marmo e granito. Le tecniche costruttive erano così avanzate che buona parte della città si è conservata fino ad oggi. Da sottolineare le quattro imponenti porte, la "Via delle colonne", il Cardo romano che si estende per 600 m a nord della Piazza Ovale. Un breve viaggio a ovest di Jerash, tra pini e oliveti, vi porta alla città di Ajloun; qui si trova il Qala’at Ar-Rabad, il castello di Ajloun, costruito nel 1184 da Usama ibn Munqich, nipote di Saladino, bell’esempio di architettura islamica.

 

MADABA: La strada che da Amman va verso sud seguendo la Kings’ Highway (una pista vecchia di 5000 anni) è uno degli itinerari più memorabili della Terrasanta e attraversa una serie di antiche città. La prima è Madaba, "la città dei mosaici". La principale attrazione di Madaba, che si trova nella chiesa ortodossa di San Giorgio, è un mosaico bizantino del VI secolo, che rappresenta Gerusalemme e altri luoghi sacri. La mappa misura 25 x 5 metri che conta ben 5 milioni di tessere di pietra colorata, raffigura monti e valli, villaggi e città fino al delta del Nilo. Questo mosaico sicuramente il migliore tra gli innumerevoli mosaici che si possono ammirare nelle chiese e nelle case di Madaba.

 

MONTE NEBO: Dieci minuti più a ovest di Madaba si trova il luogo più venerato della Giordania, il Monte Nebo, con il monumento dedicato a Mosè, la leggenda racconta che qui morì e fu sepolto. Da un piazzale di fronte alla chiesa si gode una vista stupenda attraverso la valle del Giordano e il Mar Morto fino ai tetti di Gerusalemme e di Betlemme. A sud-est di Madaba si trovano le sorgenti termali di Zerqa Ma’in e di Zara, dove dai tempi dei romani si viene a fare la cura delle acque, o anche solo a godersi un bagno caldo, niente di meglio per concludere una giornata immersa nella storia!

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.