OMAN: Bird watch a Muscat e Dhofar

L'Oman è un paradiso per l'osservazione degli uccelli con le sue 468 specie. I migliori punti di osservazione nel sultanato sono state visitate e descritte dagli esperti osservatori e fotografi Hanne e Jens Eriksen. Come un ponte tra l'Asia e l'Africa e occupando tre regioni zoologiche, l'Oman ospita milioni di uccelli durante le migrazioni invernali. La principale stagione per il birdwatching in Oman è tra settembre e maggio. Settembre e ottobre, sebbene siano mesi ancora relativamente caldi, sono il periodo di picco per le grandi migrazioni autunnali. Da novembre a febbraio, i mesi più piacevoli per il loro clima temperato, offrono sia tutte le specie invernali che le migrazioni di rapaci. Nei mesi primaverili tornano diverse specie dall'Africa, è il periodo in cui si potrà osservare gli uccelli nel loro migliore e splendido piumaggio. I mesi estivi sono troppo caldi per gli uccelli che per gli osservatori.

AREA DI MUSCAT: Il birdwatching in Oman si dovrebbe dividere equamente tra il nord e il sud, ma la capitale Muscat è un ottimo posto per iniziare. I più comuni uccelli osservabili nel Sultanato si possono ammiarare nei giardini dei migliori hotels dell'area di Muscat, considerata anche una delle città migliori al mondo per l'osservazione di grandi rapaci. Non è raro vedere anche nella stessa giornata diverse specie di aquile (della Steppa, Imperiale, di Bonelli, Macchiata) ed anche Avvoltoi Egiziani. Una moltitudine di uccelli costieri possono essere avvistati nel Qurum, come i principali gabbiani. Le mangrovie ospiatano varietà di aironi, mentre le fresche acque della laguna Al Ausab ospitano differenti specie di uccelli provenienti dal Qurum. In inverno sono comuni le anatre, e molti rapaci visistano queste lagune da novembre a marzo. Un'escursione giornaliera da Muscat alle spiagge di Al Sawadi o Yiti garantiscono l'osservazione di gabbiani, tra cui il magnifico gabbiano testanera e alcuni nidi di falchi fuliggine.

AREA DEL DHOFAR: Almeno 30 delle 468 specie di ucccelli presenti in Oman sono osservabili nella regione del Dhofar. Il nord del paese si caratterizza dalla presenza delle specie Asiatiche ed Europee, mentre il sud vede la presenza di specie di stampo Africano. E' consigliato di effettuare il trasferimento da nord a sud in auto, attraverso le Montagne dell'Al Hajar, quindi attraversando 800 km di deserto pianeggiante prima di scavalcare le Montagne del Dhofar prima di raggiungere Salalah. Una sosta interessante per una escursione sulle spettacolari dune di sabbia 70 km a sud dell'Al Ghabah. Un altro suggerimento è la sosta ai giardini di Al Ghabah, Al Ghaftayn e Qatbit.

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.