SOCOTRA (Yemen)

Informazioni turistiche


Un'isola è sempre una sfida: percepirne la realtà, entrare nel sottile equilibrio creatosi nei secoli da una comunità fatta di incontri, scambi ma anche di scontri e rifiuti. Soqotra sembra una creazione di Italo Calvino, entrerebbe a buon diritto come una nuova "Città Invisibile".

Sospesa in un continuo abbraccio con l'Oceano, con una popolazione pacifica, scrigno di un'ecosistema unico al mondo, non a caso il 90% del territorio è un'area protetta, continuamente minacciata da nuovi "cacciatori di teste" che con assoluta leggerezza mettono in crisi la biodiversità di questo luogo.

Ogni visitatore di Soqotra troverà a fatica parole abbastanza capienti e pregne da poter assorbire l'identità di un luogo solo apparentemente taciturno in tutti questi secoli.

Perché forse la meraviglia, a volte, rimane segreta come ogni autentica esperienza.

Soqotra è un'isola dell'Oceano indiano, affacciata a sud-est del Golfo di Aden.
Quest’isola affascinante e incontaminata si trova a circa 350 km dalla costa yemenita e a meno di 250 dal Corno d'Africa. Geograficamente, quindi, fa parte del continente africano, ma è legata all’India da interessi commerciali e strategici e politicamente appartiene allo Yemen.

Ultimo lembo della Repubblica islamica dello Yemen, Soqotra è un mondo a sé. Dalla natura unica e potente, l’isola ospita una biodiversità davvero straordinaria.
Con le sue oltre duecento specie di uccelli e novecento specie di piante – di cui trecento endemiche – l’isola è oggi alla ribalta: è infatti in corso un progetto delle Nazioni Unite per renderla un Parco Naturale protetto.

Il paesaggio è vario, disseminato di coste semi-deserte, colline calcaree e montagne di granito. Le aspre vette delle montagne di Hagghier s'innalzano a più di 1500 metri e dominano l'orizzonte, avvolte da una vegetazione quasi impenetrabile.
Dimenticata per secoli a causa della sua posizione nascosta, l’isola di Soqotra possiede territori incantevoli. Il centro principale è Hadibu, una città che appoggia le sue case tozze di pietra contro le pareti di montagne di granito a forma di torre, avvolte da nubi.

La sua vegetazione incontaminata fa di questo luogo la decima isola più ricca del mondo, quanto a varietà della flora. Studiosi di tutto il mondo giungono qui per visitare l'incredibile patrimonio naturale di Soqotra e delle altre isole del suo arcipelago, considerate un vero e proprio laboratorio di studio dell'evoluzione biologica.
La flora primitiva presente, con le sue circa 850 specie di piante - molte delle quali sono resti di fiori antichissimi scomparsi dalla terra da lunghissimo periodo - è talmente ricca da preservare intatte condizioni molto simili alle ere preistoriche.

La pianta più antica dell'isola è l'albero del sangue di drago (Dracaena cinnabari), chiamata anche l'albero "dell'ombrello rovesciato" nome che deriva dalla sua strana forma. La leggenda narra che la pianta nacque dal sangue versato durante un cruento combattimento fra un drago ed un elefante. Il cinabro - la resina rossa delle foglie e dell'albero - fu molto apprezzato dal mondo antico e fu largamente utilizzato come pigmento colorato, come medicamento, per intensificare il colore delle pietre preziose, per colorare il vetro, il marmo ed il legno dei violini italiani.

Testi di Paolo Mele

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.