MONGOLIA

Il deserto del Gobi, il cimitero dei dinosauri

Meta quasi obbligata dei tour di chi vuole visitare la Mongolia, il Gobi, che letteralmente in lingua mongola significa deserto, si estende per un terzo della superficie del paese e, per una parte, nei territori della Cina del Nord. Il Gobi, contrariamente al concetto di deserto, formato principalmente da terreni aridi e sassosi ricoperti da arbusti e le dune di sabbia rappresentano solamente il 3% della sua superficie. Le temperature in tale area superano i 40 in estate e raggiungono i - 40 in inverno, mentre in primavera le tempeste di sabbia la fanno da padrone. La pioggia, molto rara in queste zone, cade ogni due o tre anni. Nel suo interno si trovano dei laghi salati, quali il Orog Nuur e il Bn Tsagaan Nuur, che anche se si stanno lentamente prosciugando, continuano ad essere sufficientemente riforniti da sorgenti sotterranee.

I DINOSAURI: La leggenda vuole che il Gobi sia stato creato dal passaggio degli eserciti di Gengis Khan, ma in realt i numerosi fossili che lo costituiscono, testimoniano la presenza nella preistoria di un vasto mare. Negli anni '20 l'avventuriero americano Roy Chapman Andrews e la sua squadra riport alla luce oltre 100 dinosauri, tra cui il Protoceratops andrewsi, il Tirannosauro Rex e numerosi Velociraptor. In seguito altre numerose spedizioni ritrovarono altri fossili di dinosauro. Si ritiene che questi mastodontici animali, dominatori incontrastati dell'era Cretacea (70 milioni di anni f), venissero sorpresi durante le loro azioni di vita quotidiana da tempeste di sabbia o da crolli di dune, oppure che una volta morti, venissero rapidamente coperti da uno strato di sabbia e roccia che li fossilizzava, ci ha permesso il loro ritrovamento in buono stato di conservazione nei giorni nostri. Gli sciamani, mitizzando i resti degli antichi scheletri che riaffioravano dal deserto, fecero uso delle ossa di dinosauro durante i loro cerimoniali religiosi per creare le pozioni, in quanto credevano che fossero apportatrici di forza. Tutt'ora il deserto del Gobi meta di spedizioni di archeologi alla ricerca di tracce del nostro passato; ma anche possibile ammirare i resti dei dinosauri del Gobi al museo di storia naturale di Ulaanbaatar.

 

 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dellart. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Rajatabla.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di pi su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.